Parole

 
Condividi

...Una bambola che ricorda la mia cara mamma...

Era il mese di dicembre del 2007, mamma versava in condizioni disperate per un male che giorno dopo giorno la consumava sempre più, ebbene, un pomeriggio di quel triste mese, non ricordo esattamente il giorno, ebbe la forza di farmi notare una busta, ben riposta nel suo armadio, al cui interno era custodita un'antica bambola, a suo dire risalente alla mia bisnonna, dismessa e dimenticata ma che, nonostante non più intera, conservava tratti bellissimi e lineamenti vellutati. CONTINUA»


"Napoli Stagione Dell' Anima" di Gennaro Borrelli

...E' proprio di fronte al vicolo dei panettieri, un ambiente tristemente famoso per avervi avuto luogo la più degradante prostituzione del tempo, si apre il paradiso dell'oggetto articolato: l'ospedale delle bambole, da quelle Dell'epoca a quelle moderne «parlanti e camminanti»: un ospedale ove la stratificata e densa polvere non rischia l'asetticità. CONTINUA»

Poesia e Racconto di Maria Rosa Ferrara

Aggiustare mi piace
sorrisi che si rompono:
ogni viso deve avere un sorriso!
La vita è una salita infinita con brevi pause per un sorriso...
CONTINUA»

Poesia del Maestro " Ciro Ardito" pubblicato da "Antonio Orabona"

Quanno ‘e vveco int’’a vetrina fanno pena
chi cù ‘a capa levata e’e braccia rotte,
’o miedeco nce mette tutt’’o ssuojo
pè repiglià ,nce metteassje passione.
CONTINUA»

 

 
 

Parole

 
Condividi

...Una bambola che ricorda la mia cara mamma...

Era il mese di dicembre del 2007, mamma versava in condizioni disperate per un male che giorno dopo giorno la consumava sempre più, ebbene, un pomeriggio di quel triste mese, non ricordo esattamente il giorno, ebbe la forza di farmi notare una busta, ben riposta nel suo armadio, al cui interno era custodita un'antica bambola, a suo dire risalente alla mia bisnonna, dismessa e dimenticata ma che, nonostante non più intera, conservava tratti bellissimi e lineamenti vellutati. CONTINUA»


"Napoli Stagione Dell' Anima" di Gennaro Borrelli

...E' proprio di fronte al vicolo dei panettieri, un ambiente tristemente famoso per avervi avuto luogo la più degradante prostituzione del tempo, si apre il paradiso dell'oggetto articolato: l'ospedale delle bambole, da quelle Dell'epoca a quelle moderne «parlanti e camminanti»: un ospedale ove la stratificata e densa polvere non rischia l'asetticità. CONTINUA»

Poesia e Racconto di Maria Rosa Ferrara

Aggiustare mi piace
sorrisi che si rompono:
ogni viso deve avere un sorriso!
La vita è una salita infinita con brevi pause per un sorriso...
CONTINUA»

Poesia del Maestro " Ciro Ardito" pubblicato da "Antonio Orabona"

Quanno ‘e vveco int’’a vetrina fanno pena
chi cù ‘a capa levata e’e braccia rotte,
’o miedeco nce mette tutt’’o ssuojo
pè repiglià ,nce metteassje passione.
CONTINUA»